Dalla serie 4100K ©Germano Serafini

“TOTEM” – Casa degli artisti

Collettiva presso le Artigiane che ospitano la Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo per il terzo appuntamento con l’arte contemporanea.

dal 24 al 31 marzo 2016
Le Artigiane
via di Torre Argentina 72, Roma

I lavori presentati appartengono alla serie 4100K

La Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo presenta le opere di Paolo Angelosanto, Primarosa Cesarini Sforza, Sara Davidovics, Cecilia De Paolis, Yvonne Ekman, Lughia, Paola Romoli Venturi, Germano Serafini, Antonio Sorace, Patrizia Trevisi e Fiorenzo Zaffina. L’esposizione rientra nel progetto, voluto da Le Artigiane in collaborazione con la Takeawaygallery, di presentare nella Capitale realtà che operano in località distanti dalle rotte principali del contemporaneo, di creare occasioni di visibilità ma soprattutto sinergie tra due ambiti ben delineati e tra pubblici diversi per allargare la conoscenza delle rispettive discipline, arte e artigianato.

La Casa degli Artisti prende vita nella Riserva naturale della Gola del Furlo nel 2011 grazie alla volontà e all’impegno di Andreina De Tomassi, giornalista, e Antonio Sorace, scultore. Associazione non profit nonché Residenza Creativa, si occupa tanto di territorio e ambiente che di produzione culturale: della «salvaguardia della biodiversità, non solo vegetale, e la difesa dell’arte sostenibile». Già nel 2010 le prime attività con le Passeggiate d’Arte; mentre dall’unione della Residenza e delle Passeggiate nasce la Land Art al Furlo, quest’anno alla VII edizione. La decisione di molti autori di donare la propria installazione ha trasformato il distretto in un Parco-Museo con oltre cinquanta opere in permanenza, ma Casa degli Artisti non significa solo arti visive: l’Associazione organizza incontri, conferenze, tavole rotonde volte ad approfondire storia, peculiarità e tradizioni della zona; ospita una Biennale di Poesia(La Zattera dei Poeti); ha coprodotto un documentario e un album musicale. Un impegno costante nello sviluppo di una «politica culturale gestita dal basso, privata e indipendente».

A Roma presso Le Artigiane presenta i lavori di dodici artisti, la maggior parte dei quali hanno preso parte all’ultima edizione di Land Art al Furlo. Scultori, fotografi, performer: uno spaccato eterogeneo delle ricerche rintracciabili tra il bosco, le torri colombaie e il suggestivo canyon percorso dal fiume Candigliano. Che però qui si esprimono in relazione allo spazio chiuso, proponendo attraverso una o due opere ciascuno una sintesi della propria recente produzione.

La Casa degli Artisti presenta infine anche il bando della settima edizione di Land Art al Furlo – in scadenza il 1° maggio – che nel 2016 ha come tema il Totem, «inteso come elemento di scrittura verticale»: si chiede a ciascun autore di “scrivere un racconto”, di «confrontarsi con questo “albero parlante”, che estende le sue radici nell’inconscio collettivo, e celebrare un grande rito intorno ai totem, per chiudere un ciclo e augurarne uno altrettanto felice».